IL NOSTRO SERVIZIO

Cos’è successioneonline.net?

E’ uno strumento di supporto dedicato ai professionisti, ma non solo, per la redazione e la presentazione telematica delle denunce di successione.

Servono competenze specifiche per utilizzare il prodotto?

No, non è richiesta nessuna competenza specifica. 

Come funziona il servizio?

Dopo aver effettuato la registrazione, ti verrà richiesto di caricare i documenti necessari all’espletamento della pratica in maniera chiara e intuitiva.
Poi potrai seguire lo stato di avanzamento della pratica nella tua area riservata.

E’ possibile collaborare con Voi?

Certamente!
Il funzionamento è molto semplice, la documentazione da caricare viene richiesta in maniera chiara e differisce di poco da pratica a pratica. Ti verrà aperto un account come collaboratore a delle condizioni molto vantaggiose.

Perché dovrei usufruire del servizio o diventare collaboratore?

Perché ti permettiamo di svolgere la tua pratica con semplicità, precisione ed in tempi certi.

Se sei un professionista e non hai mai fatto questo tipo di pratiche, con un investimento minimo e con l’aiuto della nostra esperienza specifica, potrai proporre un nuovo servizio e ottenere nuovi clienti.

Se invece già svolgi questo tipo di pratiche, potrai dedicare il tuo tempo e le tue competenze ad altri servizi, ottimizzando quindi tempi e costi.

COSA DICE LA NORMATIVA SULLE SUCCESSIONI?

Con provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate in data 27 dicembre 2016, recante modello ed istruzioni, è stato approvato il nuovo modello di dichiarazione di successione e voltura catastale, in vigore dal 23 gennaio 2017 (successivamente aggiornato con modello in vigore dal 12 settembre 2017 nonché con modello in vigore dal 15 marzo 2018), e le specifiche tecniche per la trasmissione telematica.

Il nuovo modello, in vigore dal 23 gennaio 2017, è stato alternativamente utilizzabile con il modello 4 per tutto il 2017. Dall’1 gennaio 2018 era previsto il “pensionamento” del vecchio modello e l’individuazione del nuovo modello telematico come l’unico presentabile per quelle successioni apertesi a decorrere dal 3 Ottobre 2006. Con provvedimento direttoriale n. 305134 in data 28 dicembre 2017, invece, l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto di prorogare, anche per tutto il 2018, l’utilizzazione alternativa anche del modello 4 cartaceo. Dall’1 gennaio 2019, infine, salvo ulteriori proroghe, il modello 4 continuerà ad essere utilizzato solo per le successioni apertesi in data anteriore al 3 ottobre 2006 e per le dichiarazioni integrative, sostitutive o modificative di una precedente dichiarazione presentata con il precedente Modello 4.

COSA SIGNIFICA?

Che grazie ad una proroga, fino al 31/12/2018 si potranno usare indistintamente modulo cartaceo o modello telematico ma, salvo future modifiche, dal 1′ Gennaio 2019, per le nuove pratiche dovrà essere utilizzato il solo il modello telematico.

Chiudi il menu